lunedì 29 luglio 2013

i consigli dello Zio l'Ontano



Cose da non dire ad un funerale

A: “Ciao B. Condoglianze. Ero molto legato a tua Zia, sai, le volevo davvero bene. Ricordo quando giocavamo a casa sua e combinavamo tutti quei disastri…e lei niente, sempre col sorriso sulle labbra. Una donna meravigliosa.”
B: “Grazie A, grazie per essere venuto. E’ triste, hai ragione, ma era arrivato il suo momento. Purtroppo è la vita. Per fortuna non ha sofferto. E’ stata una cosa improvvisa, l’ultima volta che l’ho vista era sana come un pesce. Certo per me non sarà facile. E’ stata la mamma che non ho mai avuto.”
A: “Ti sono molto vicino…”
B: “Grazie A, sei molto caro”
A:  “Se hai bisogno di qualcosa, qualsiasi cosa…”
B: “Grazie, lo terrò presente. Come stai tu?”
A: “Mah…si vive”
B: “…”
A: “Ti dirò, sono stanco morto. Sai, il tran tran e tutto il resto…”
B: “…”
A: “E’ che il lavoro mi ammazza, dico davvero. Ci rimarrò secco uno di questi giorni”
B: “…”
A: “Non hai idea di quanto riesca a essere stronzo il mio capo, non puoi nemmeno immaginartelo. Sempre col fiato sul collo, in attesa di un piccolo sbaglio. Ci gode il bastardo a vedermi costantemente sotto pressione. Guarda, tutto quello che chiedo per Natale è che gli venga un colpo, non chiedo di meglio…”
B: “…”
A: “Che hai? Ti senti bene?”
B: “…”
A: “Oddio B, che figura! Io non… non volevo… sono mortificato, vorrei sotterrarmi!”
B: “…”
A: “Scusami. Mi sono fatto prendere dalla discussione”
B: “Non fa niente”
A: “E tua moglie? Come sta?”
B: “…”
A: “E’ da un sacco che non la vedo. In chiesa non mi è parso di incrociarla”
B: “Mia moglie è morta l’anno scorso, B. Sei venuto anche al funerale…”
A: “Ah…certo certo…che scemo che sono. Me ne ero proprio scordato. Sai… questo lavoro mi… beh, che dire? Condoglianze doppie allora!”


Cose da non dire prima di morire

Mentre sono sdraiato sul lettino in attesa dell’iniezione, penso a parecchie cose. Penso soprattutto alla sfortuna. Con tutti i crimini che ho commesso in giro per il mondo, ecco la prima e unica volta in cui ho dovuto uccidere un uomo… e sono andato a farlo proprio in Texas. Poi, penso a quell’uomo e alle sue ultime parole, quello “shit” pronunciato a denti stretti. Chissà se era rivolto a me oppure alla situazione in sé? Certo, “shit” non suona molto intelligente, tenendo conto che non si dirà mai più nulla in futuro. E io? Cosa dirò? Quali saranno le mie ultime parole prima che venga eseguita la condanna? Riuscirò a dire qualcosa di più furbo? Potrei fare come mio padre e lasciare il mondo dicendo “io non ho fatto niente”, ma come per lui non si capirebbe se la frase voglia negare qualche terribile azione compiuta in vita oppure se equivalga a confessare di essere stato un fannullone. Potrei imitare la pernacchia di Alberto Sordi nei Vitelloni. Lavoratooori… no, meglio di no. Mio fratello è sindacalista. Potrei usare qualche citazione colta, ma non sarei credibile. Inutile sprecare l’occasione di dire le ultime parole a un pubblico così autorevole. Intanto, intorno a me proseguono i preparativi. Ecco, è arrivato il mio momento. Spalanco la bocca.
- I diamanti della rapina sono nascosti nel… - poi perdo i sensi con un rantolo conclusivo. Chiudo gli occhi e soprattutto la bocca. E, adesso, che si mettano pure a cercare.


Cose da non dire dopo essere morti

È facile ripetersi frasi come “devi voltare pagina” oppure “la vita continua”. Sono solo parole. La mia vita si era fermata insieme alla sua, davanti a una pagina che non potevo voltare e che continuavo a guardare sperando di potervi leggere ancora qualcosa, qualcosa di nuovo. Se io non riuscivo più a farlo, qualcun altro l’avrebbe potuto fare per me. Così, decisi di andare da una cartomante, una di quelle signore enigmatiche che riescono a comunicare con le anime dei defunti. Col suo intervento avrei potuto parlare ancora con mia moglie e andare avanti, voltare pagina. Quella donna cadde in trance e, dopo qualche istante, riuscì a mettersi in contatto con lei. Mi disse che la mia amata continuava a restarmi vicino, che mi osservava dall’aldilà e che era sempre accanto a me. Cominciavo a sentirmi meglio. Allora le chiesi di darmi una prova, perché fossi certo di averla ancora al mio fianco. La cartomante tacque per un attimo, poi disse:
- Uscendo di casa, hai lasciato la luce accesa in bagno. - Era vero. Ripensandoci, in effetti avevo dimenticato di spegnerla. Intanto, la donna proseguì a parlare.
- Poi, ti ho visto che fumavi in camera da letto. Sai che non voglio. E quante volte ti ho detto di non mettere i piedi sul tavolino del salotto? Il lavandino è pieno di stoviglie sporche. Non devi lavare i capi colorati insieme a quelli bianchi… -
Mi alzai e andai via. Era ora di voltare pagina.



testi: Martin Hofer
Fabrizio Di Fiore
illustrazioni: frattozerø

venerdì 26 luglio 2013

una storia già raccontata

E’ la solita storia del ragazzino di campagna cresciuto in un tripudio di natura incontaminata e animali, che scorrazza felice per i campi saltellando con un filo d’erba tra i denti. Massì, la saprete di già, ne sono convinto.
Quella dove il ragazzino di campagna si affeziona in modo viscerale e sviluppa un rapporto empatico con una gallina o un’anatra, le battezza con un qualche nome vetusto, da donna di malaffare di un film noir anni ’50- tipo Gilda, o Jole- la porta a spasso per l’aia e le parla come se fosse un essere umano vero e proprio. Certe volte tenta perfino di farla dormire nella sua stanza, ma i genitori glielo proibiscono.
Poi, un bel giorno, il ragazzino siede a tavola con la famiglia e mangia di gusto. E’ un’occasione speciale – una qualche festività oppure il compleanno del nonno, fa lo stesso. Dopo pranzo il ragazzino esce per fare due passi. Va a trovare Gilda/Jole nel pollaio, e Gilda/Jole non c’è più. Così va dal nonno per chiedergli se per caso sa dove si sia cacciata la sua vecchia amica Gilda/Jole.
Tutte le versioni concordano nell’attribuire al nonno una risposta particolarmente leggera e inadeguata. Una cosa come: “E’ nel tuo pancino tesoro” o anche “Non lo so, l’ultima volta che l’ho vista era su quel piatto”.
Il dolore del ragazzino si trasformerà negli anni in un rifiuto nei confronti del consumo  di carne come ingranaggio del sistema e bla bla bla….
Ma se la conoscete già, questa storia, è inutile che ve la stia a raccontare.

testo: Martin Hofer
illustrazione: frattozerø

martedì 23 luglio 2013

tutti i segni della morte


 
Se passi nei corridoi di via Sorteno 1
puoi vedere quel che la morte può fare
quando passa in fretta ma ti sorpassa
puoi vedere gambe che si trascinano lente
e labbra rabbiosamente contratte
in un mutismo dove le parole sono confiscate
alla bocca dalla mente
e gente con i capelli bianchi e voci da bambino
sguardi che non sanno più dove guardare
in un affannoso disorientamento di se stessi
ragazzi uomini e donne messi li per guarire
dove guarigione non c’è più.

Se passi nei corridoi di via Sorteno 1
puoi vedere quel che la morte può fare
quando passa e ti sfiora ma non è la tua ora
e ti lascia in una carrozzina
e anche il gesto più banale come alzare il braccio sinistro
non lo san più fare perché lo spazio non ha più senso
le sensazioni corporee  annegano in una confusione
dove si annullano loro, con te
il volto bloccato in un’espressione di eterna sorpresa
la postura tesa e la memoria scivolosa
condannata alla tortura dell’oblio.

Se passi nei corridoi di via Sorteno 1
puoi vedere quel che la morte può fare
quando passa ma la vita vince
puoi vedere guerrieri e vinti
i primi sono spinti dalla vita
nella dura risalita e si sentono fortunati
venerano ogni giorno dopo quel giorno
i secondi, invece, aspettano che torni la morte
 la implorano forte ogni giorno dopo quel giorno
c’è poi un’ultima categoria
–che non so se siano guerrieri o vinti-
di quelli che non lo sanno più
cosa siano la vita la morte e se stessi
sono tutti segni questi segni che la morte lascia
e ti vien da pensare che la vita è così fragile
e così resistente quando guardi gli occhi
che passano nei corridoi di via Sorteno 1
a questo ti vien da pensare.

testo: Julie Messina
illustrazione: Marta Sorte

giovedì 18 luglio 2013

L’UFFICIO _ ovvero: il sabato dell’impiegato

 
La notizia della scomparsa del Direttore giunge in ufficio attorno alle 10/10,30.
A un iniziale sgomento generale, succede nel giro di qualche minuto un giubilo dapprima contenuto e, via via, sempre più dirompente.
Cominciamo a scambiarci pacche sulle spalle e calorose strette di mani. Perini si offre di scendere al supermercato sotto l’ufficio per acquistare una bottiglia di spumante, mentre qualcuno ha già attaccato col merengue sul computer.
Togni si prodiga per far partire un trenino di gruppo, senza riscuotere troppo successo.
Mi guardo intorno: abbiamo tutti il nodo della cravatta allentato, lo sguardo tipico dello studente che, una volta arrivato davanti alla sua scuola, scopre che c’è manifestazione e che nessuno dei suoi compagni ha la minima intenzione di entrare.
Giorgetti è seduto sopra la scrivania, lascia penzolare le gambe avanti e indietro.
C’è Magnani che sta raccontando una barzelletta alla segretaria del Direttore. Riguarda una suora, ma ho perso la parte iniziale e quando i due scoppiano a ridere non riesco ad afferrare lo snodo umoristico della faccenda.
Per la cronaca: è la prima volta in assoluto che vedo ridere Magnani.
In fondo alla sala noto il portiere del condominio, sopraggiunto a causa del baccano. Sembra non afferrare il motivo di tale entusiasmo, tuttavia si lascia trasportare dalla nostra gaiezza e ben presto diventa uno dei nostri.
C’è chi lancia aeroplanini di carta, chi tiene il ritmo del merengue aiutandosi con righelli e matite, chi telefona a casa per raccontare alla famiglia gli ultimi-tragici- avvenimenti.
Accendo una sigaretta. Con la gamba avvicino il cestino della carta straccia. Nel frattempo Perini ha fatto ritorno, e sta distribuendo ai colleghi bicchieri di plastica e salatini.
Bosi improvvisa un discorso ma viene continuamente interrotto dagli interventi beffardi di Magnani, con estremo sollazzo dei presenti.
Brindiamo. Abbiamo coinvolto pure Ahmed, il corriere marocchino che viene a consegnarci gli ordini tutte le settimane. Anche lui appare frastornato: di solito quando passa in ufficio siamo tutti chini sui nostri computer e nessuno lo saluta.
Intorno alle 11,30 sono state fatte circolare altre bottiglie di alcolici e siamo tutti quanti brilli.
Ho spento male una sigaretta e il cestino è tutto bruciacchiato. Per un pelo non ha preso fuoco l’intero ufficio. La D’Ippolito accenna qualche passo di lap dance davanti alla fotocopiatrice e Perini le da una pacca sul culo. Lei si volta e ridacchia, visibilmente ubriaca.
E’ più o meno in quel momento che Fagis, un omino basso con la chierica, prende uno scanner, lo alza come se fosse un lottatore di wrestling e, dopo averlo fatto roteare da destra verso sinistra, lo scaglia contro il pc di Giorgetti.
Il contabile dell’azienda si inalbera non poco per il gesto sconsiderato di Fagis, tanto che siamo costretti a intervenire in tre per evitare lo scontro fisico.
Faccio un giro.  In sala riunioni Trezzini e un altro tizio di cui non ricordo mai il nome sono impegnati in un gioco piuttosto singolare: sputano su un tavolo, lo inclinano, e poi scommettono su quale dei due scaracchi arriverà per primo sul bordo.
“Vuoi partecipare?”_ mi fa il tizio senza nome.
Passo oltre con una sigaretta accesa tra le labbra. L’ufficio del Direttore è l’ultimo in fondo al corridoio. Entro. Non provare alcun tipo di sensazione mi crea un certo sgomento: non c’è dispiacere, non c’è compassione, nemmeno soddisfazione.
Guardo le carte sparpagliate sulla scrivania, gli appunti segnati al volo sui bloc notes, le foto con la moglie e le tre figlie.
Il Direttore era un tipo facilmente irritabile, talvolta aggressivo. Una volta mi ha dato dell’incapace, ma io non gli ho mai serbato rancore. Era un uomo mediocre, e nei confronti degli uomini mediocri non ha senso provare odio o disprezzo. Andrebbero soltanto compatiti, gli uomini mediocri, ma evidentemente non riesco a fare nemmeno questo. Mi domando se sono sempre stato così o se ci sono diventato.
Medito affacciato alla finestra. La sigaretta si consuma fino a farmi percepire il suo calore sulle dita. La spengo sul muro e faccio per tornare dagli altri.  
E’ quello squittire sommesso che mi blocca. Una sorta di ih ih ih acuto che proviene da sotto la scrivania. Mi abbasso e trovo la segretaria del Direttore in lacrime.
Una donna sui trenta, piuttosto affascinante, di quelle sempre ordinate e inappuntabili, per cui provi una spiccata attrazione fisica pur non riuscendotela a immaginare impegnata nel rozzo atto dell’accoppiamento. Adesso siede sul pavimento scomposta, la camicetta fuori dai pantaloni. Ha il singhiozzo. Fino a dieci minuti prima l’avevo vista cinguettare vanesia con uno stagista arrivato da un paio di settimane.
“Poveretto_ singhiozza_ poveretto…in fondo non era un cattiva persona. Poveretto…”
Non mi lascio intenerire dall’ubriachezza della segretaria, voglio tornare nella mischia. Infatti stanno circolando gli ultimissimi fondi di bottiglia e non voglio perdermi Magnani che, assistito da Ahmed, prova a intonare una canzone tradizionale marocchina.
Lo spettacolo si rivela piuttosto deprimente, pur non arrivando ai livelli della gara di karoke che scatta subito dopo. Il punto più basso lo raggiunge senza dubbio Ponti, il grafico balbuziente, che si lancia in una serenata a dir poco imbarazzante in onore della D’Ippolito. Perini, colto forse da un raptus di gelosia, comincia a urlare improperi e a lanciare cartacce all’indirizzo del poveretto, seguito a ruota da Magnani e da altri colleghi.
La situazione degenera e Ponti è costretto a interrompere la sua performance per rifugiarsi dietro a un tavolo. Qualcuno ha iniziato a tirare anche matite, gomme da cancellare, e persino un fermacarte.
Vola di tutto e in tutte le direzioni, non esiste più un bersaglio definito. Una pinzatrice è finita contro la riproduzione di Van Gogh e ne ha mandato in frantumi la cornice.
Andiamo avanti così fin quasi all’ora di pranzo, quando Bosi, controllando la sua casella di posta elettronica, trova una mail inviata dall’azienda madre. Il messaggio informa che, a causa della prematura e triste scomparsa del Direttore della filiale numero 53/b, il personale è autorizzato a lasciare l’ufficio anzitempo. Durante il fine settimana i vertici si esprimeranno circa la nomina del nuovo direttore, in modo da riportare l’attività lavorativa al suo regolare svolgimento entro lunedì.
Nel giro di pochi minuti l’ufficio inizia a svuotarsi. Ci dirigiamo a piccoli gruppi verso la fermata della metro, la stazione dei treni o uno dei numerosi parcheggi sotterranei della zona. Si ride e si sghignazza ancora, seppur in modo più affettato.
Un altro weekend, l’ennesimo, è in vista. Potremo disattivare la sveglia per due giorni e guardare le partite di Serie A. Lunedì si torna in ufficio.   

testo: Martin Hofer 
illustrazione: Sara Flori

martedì 16 luglio 2013

era ancora presto

 
Si era svegliato di nuovo. Aveva guardato l’orologio, uno dei tanti sparsi nell’appartamento. Era ancora presto. Chissà quanto aveva dormito? Forse qualche ora, probabilmente una soltanto.
Il televisore era ancora acceso, ma trasmetteva immagini diverse da quelle che lui stava guardando prima di assopirsi. Il cane sulla brandina stava russando. Era ancora presto.
Avrebbe potuto alzarsi dal divano e coricarsi a letto, ma ormai si era svegliato.
Era andato in cucina per preparare il caffè. Una mattina di gennaio, faceva freddo. Un caffè caldo ci voleva. E anche un telegiornale. Per ammazzare il tempo. Aveva guardato l’orologio della cucina. Era ancora presto.
Aveva bevuto il caffè, uno dei tanti, si era acceso una sigaretta, una delle tante. Aveva guardato l’orologio. Era ancora presto.
Aveva preso il guinzaglio e svegliato il cane. Fargli fare due passi in cortile e una pisciata mattutina. C’è ancora gente che dice “scendere il cane”, aveva pensato.
“Quanta ignoranza…”, aveva pensato. Il cane era tornato alla sua brandina. Poteva fumare un’altra sigaretta, oppure bere un altro caffè. No. Si sentiva stanco. Poteva coricarsi a letto. No. Meglio il divano. Aveva guardato l’orologio. Era ancora presto.
Da quanti anni non riusciva a dormire in pace? Da quante notti non riusciva a dormire in pace?
Il suo cuore era stanco.
Aveva chiuso gli occhi. Forse, avrebbe potuto dormire un po’ prima di uscire di casa. Era ancora presto.
Avrebbe dormito per sempre. In pace.



testo: Fabrizio Di Fiore
illustrazione: Luca Lenci

venerdì 12 luglio 2013

PAGURO


Era successo tanto tempo prima. Tutto, però, stava ritornando così com’era stato prima di allora. I testi, quelli antichi così come quelli più moderni, prodotti dalle civiltà che avevano solcato il suolo asciutto, non portavano con loro memorie o teorie che avrebbero potuto giustificare o far prevedere un così rapido adattamento ad una rivoluzione tanto grande dei contesti di vita. Quei testi, glassati, in ogni loro pagina, con speciali vernici trasparenti ed impermeabili, erano divenuti semplicemente materiale da esposizione museale o d’archivio, testimonianza dei tempi andati. In poco più di due secoli molte delle discipline afferenti alla biologia erano state costrette a riformularsi, mettendo in discussione molti capisaldi. Le strutture polmonari, ad esempio, erano andate incontro a repentine modificazioni che, di generazione in generazione, erano andate e andavano perfezionandosi sempre di più, tendendo verso una compiuta respirazione acquatica. Le mappature più dettagliate indicavano che ormai più della metà degli alveoli polmonari si erano totalmente riconvertiti in modo tale da operare scambi gassosi con l’acqua e non più con l’aria, mentre la rimanente parte si presentava in uno stato dormiente e privo di modificazioni. Gli scienziati erano dunque convinti che una respirazione polmonare tradizionale sarebbe ancora stata ipoteticamente possibile.
    Le modificazioni evolutive, così inaspettatamente rapide, non avevano però trasfigurato, se non nella forma, almeno nella loro essenza più profonda, costumi e tradizioni. I ragazzini, dopo la scuola, si ritrovavano nei cortili a giocare a pesce-palla. I sacerdoti, nelle funzioni domenicali, celebravano regolarmente la liturgia eucaristica facendosi iniettare il vino per via endovenosa, tramite siringhe dorate. Le anime romantiche, si radunavano a contemplare le stelle marine che sui fondali disegnavano sempre nuove costellazioni.
    La città in cui Ester viveva non era molto diversa dalle altre che popolavano gli abissi. Un’area centrale, ricca e scintillante grazie ad un capillare sistema di illuminazione costituito da milioni di ampolle in cui venivano compressi pesci lanterna di varie specie, e, tutt’intorno, un’immensa periferia punteggiata di villette che, nei margini più distanti, sconfinava su immense praterie di alghe avvolte dalle tenebre. Ester abitava in una di quelle villette, costruita, come tutte la altre, su due piani. La sua stanza, al primo piano, affacciava su un piccolo giardinetto  popolato di meduse da cortile.  Già da giorni i raggi di sole riuscivano a raggiungere i fondali e a penetrare dalla sua finestra, tanto ormai era avanzato l’abbassamento del livello dell’acqua.
    Le autorità cittadine, con l’assistenza degli scienziati, i quali per primi avevano registrato già da mesi il nuovo fenomeno che poi nel giro di pochi giorni si era manifestato come inarrestabile, avevano condiviso con la popolazione un documento telegrafico in cui era prevista la data della totale scomparsa delle acque. Dopo la diffusione del documento, quasi sin da subito, si erano registrati suicidi di massa. Non tutti infatti sarebbero potuti sopravvivere. Decenni prima, tra i più benestanti, aveva iniziato a diffondersi una nuova moda. Guru della finanza, starlette in ascesa ed esponenti in vista della politica e della criminalità organizzata, si sottoponevano a costosissimi interventi chirurgici volti a cancellare la loro natura ibrida di creature per metà marine, ma per l’altra ancora terrestri. L’operazione consisteva in profonde incisioni sui due lati del collo nelle quali venivano ricavate quelle che erano a tutti gli effetti delle branchie. Per il resto, si interveniva sui polmoni, eliminando integralmente le strutture residue e inutilizzate della vecchia respirazione polmonare dei terrestri, completando perciò il salto evolutivo. Era comune osservare le branchie emergere oltre il colletto di camice candide incastonate in giacche eleganti ed impeccabili nodi di cravatta o coronare decolté impreziositi da gioielli di ogni sorta, tra gli invitati a party esclusivi e trasgressivi, ai piani alti degli edifici del centro, che gli stessi erano soliti raggiungere in sella ai loro squali tirati a lucido.  Moltissimi branchiati decisero di non attendere il compimento del corso degli eventi nel suo svolgersi naturale, ma di porre immediatamente fine alle angosce. Non passava giorno in cui, a decine, si distendevano su piccole piattaforme motorizzate appositamente costruite  e provviste di eliche, in grado di trasportarli inerti fino alla superficie dell’acqua, percorrendo centinaia di metri in pochi minuti. Una volta emersi, essi soffocavano sotto un sole implacabile.
    Quando Ester vide, affacciandosi alla finestra e guardando all’insù, il dorso di alcuni branchiati galleggiare poco distante, all’altezza del tetto di casa, capì che ormai era questione di poche ore. Il terrore che iniziò a percorrerla non impedì che alla mente le balzasse uno dei tanti racconti che la nonna era solita imbastirle la sera, prima che si addormentasse. Gli umani che avevano vissuto sul suolo asciutto, la vecchia donna le aveva raccontato, a volte si divertivano ad appoggiare un orecchio in corrispondenza della cavità di una conchiglia e, in tal modo, pareva loro di sentire la voce del mare. Ester raggiunse di gran fretta il cortiletto, afferrò la prima conchiglia che trovò e risalì  nella stanza col cuore in gola. Aveva paura. Si rannicchiò sul letto, aspettando che il nuovo misterioso orizzonte si schiudesse ai suoi occhi. “Quando le acque si ritireranno del tutto, avrò una nuova casa in cui potrò ritirarmi e ascoltare ancora la voce del mare.”, pensò, stringendosi alla conchiglia. Dopo alcune ore il suo volto iniziò ad emergere. La superficie dell’acqua continuò poi ad abbassarsi a ritmi sempre più rapidi finché, il giorno successivo, il suolo si presentava oramai pressoché asciutto.


Quando Ester, sconfitta, uscì dall’Acquario Co-munale erano passati due anni, quattro mesi, sette giorni, nove ore e una man-ciata di minuti dal prosciugamento delle acque. Sconfitta, perché i suoi tentativi di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla nuova metamorfosi in atto erano, ancora una volta, naufragati. Sottoponendo, infatti, al custode dell’Acquario il risultato delle sue osservazioni sistematiche iniziate molti mesi prima, circa comportamenti e abitudini dei pesci ospitati nella struttura, secondo cui era chiaro che gli animali stessero progressivamente assumendo sembianze antropomorfe, lui, un uomo dalla stazza titanica, tanto che riusciva a sedersi su sé stesso, era scoppiato in una serie di risate talmente fragorose che lo avevano portato sul limite del soffocamento e talmente roboanti da incrinare il vetro di una delle vasche. Ester, indispettita per la poca considerazione, s’incamminò verso casa sotto un sole cocente. Dei trascorsi antecedenti al prosciugamento non erano rimaste particolari tracce, eccezion fatta per conchiglie e scheletri di esseri marini che disseminavano qua è là il suolo. Per il resto, il mondo si presentava come una distesa infinita di sabbia, sale e sedimenti calcarei, punteggiata di edifici. Di acqua quasi nessuna traccia, se non poche riserve controllate in modo dispotico dalle autorità. Una piccola parte di queste riserve era stata utilizzata per realizzare l’Acquario e far sopravvivere i pesci superstiti, i quali, però, essendo in quantità superiore rispetto alla capacità delle vasche a disposizione, vi venivano ospitati secondo precise turnazioni. Nei lunghi momenti in cui, gli stessi, trasportati tramite un labirintico complesso di tappeti scorrevoli e raccolti nel piano seminterrato della struttura, venivano estromessi per far spazio temporaneamente ad altri, erano preda di spaventose convulsioni collettive e principi di asfissia. Doveva essere proprio in quegli istanti, Ester pensava, che il loro organismo, in stato di shock, si mobilitasse con tutte le energie disponibili per evolversi in qualcosa di diverso, di umano. Ma questa era decisamente la migliore delle due ipotesi che agitavano i pensieri di Ester. La peggiore era quella secondo cui i pesci non cercassero solamente una nuova forma che garantisse loro la sopravvivenza e la continuazione della specie, bensì qualcosa di molto diverso. Quando Ester, superata l’ultima duna, giunse a casa, salì in camera e raggiunse il bagno, in cui, grazie ad una piccola e segretissima riserva d’acqua abusiva, di cui l’Ufficio Acque Stagnanti del Ministero delle Riserve Idriche era totalmente all’oscuro, era riuscita a conservare e mantenere in vita le sue meduse da cortile. Con stupore preventivo, essendo oramai passati mesi dal riscontro delle prime anomalie, fece per affacciarsi nella vasca da bagno. Alcune meduse stavano facendo il morto a galla ed altre erano impegnate in palesi attività di nuoto agonistico. Era proprio il comportamento di quei piccoli, viscidi e adorati esserini a farle, suo malgrado, protendere per la peggiore delle due ipotesi. Le meduse, diversamente dai pesci ospiti dell’Acquario, trascorrevano infatti tutto il loro tempo in acqua, senza mai subire traumi. Dunque, lo sviluppo di comportamenti umani non poteva essere spiegato secondo teorie evolutive. Ciò che Ester sospettava, era che le metamorfosi in questione fossero spinte da facoltà intellettive inaspettate e, soprattutto, dopo un’intera epoca passata in schiavitù, nei fondali marini espropriati e colonizzati, da un unico motore: il desiderio di vendetta. Ester tornò in camera, si affacciò alla finestra e, pensierosa, iniziò a scrutare il cielo. Non più il buio delle acque e nemmeno branchiati esanimi, ma una volta celeste tempestata di costellazioni, moltiplicatesi durante l’epoca del mondo sommerso. Gli astronauti già in orbita prima dell’innalzamento delle acque, avevano continuato a vivere nelle loro stazioni spaziali e, impossibilitati nel ritornare al suolo, avevano costruito immense metropoli sospese nello spazio, secondo geometrie urbanistiche sul modello delle reti neurali.  Si diceva che i loro bulbi oculari fossero migrati verso i lati del capo, come negli uccelli. E si diceva che la loro società fosse basata su grandi famiglie patriarcali, che fossero di straordinaria bellezza e che avessero sviluppato grandi ali piumate. Mentre Ester era impegnata, come tutte le sere prima di addormentarsi, a contare uno ad uno i due milioni e trecentocinquantadue mila punti luminosi che adornavano la porzione di cielo visibile dalla sua finestra, d’un tratto, un gran fracasso la distolse di colpo, facendole perdere il conto. Si trattava chiaramente di vetri andati in frantumi. E, non vi erano dubbi, il rumore era giunto dall’Acquario Comunale.


racconto: Andrea Nevi
illustrazioni: Marta Sorte

lunedì 8 luglio 2013

la vita invidiabile di Sam

 
Sam aveva una bella vita, di quelle che ogni ragazzo di 20 anni potrebbe sognare. Chi poteva pensare che sarebbe andata a finire così? Abitava in una bella casa, una villetta nei sobborghi bene di una grossa città. Era una villetta full-optional, come si suol dire: di due piani, con 4 stanze da letto; una per i suoi genitori April e Joshua, una per suo fratello minore Brian, una stanza matrimoniale per gli ospiti e una stanza per se. Era proprio una gran bella casa: la cucina era immensa, con tanto di zona bar, un bel bancone in legno che se non veniva usato per bere un drink con gli amici diventava zona pranzo. Sam amava quel bancone da bar. "Cosa posso servirvi?" chiedeva agli amici quando questi lo andavano a trovare. "Cosa posso servirvi?" chiedeva, e sono certo che quando diceva quelle parole per lui ogni volta era una piccola emozione, un qualcosa di cui andare fieri. E che salotto che aveva Sam, che salotto! Le immagini mostravano un'immensa sala con un grande tavolo ovale al centro, arredata con gusto e con un immenso televisore attaccato a una parete. Ci si può immaginare la famiglia riunita sul grande divano in pelle, proprio di fronte alla tv, a guardare qualche programma interessante o a parlare di cosa avrebbero potuto fare durante le vacanze estive. La stanza era illuminata da una grande porta-finestra a vetri che dava sul giardino… E che giardino! Era un immenso prato all'inglese su più livelli, con ai margini una splendida vegetazione (mi sembrò davvero ben curata!) e tanti vasi di fiori, mentre sulla balza più vicina alla casa l'erba si interrompeva per lasciare spazio a una magnifica piscina, lunga almeno 7-8 metri, con tanto di scivolo e trampolino. Era davvero uno di quei ragazzi di cui molti potrebbero essere invidiosi; non era forse logico che sarebbe andata a finire così? Forse sì. Sam studiava giurisprudenza nella migliore Università del paese, e sarebbe sicuramente diventato un avvocato di successo così come lo era suo padre e come lo era stato in precedenza suo nonno. La faccia ce l'ha, e proprio me lo sarei immaginato nell'aula di un tribunale durante l'arringa decisiva. Era uno studente modello dicono, e ne sono certo, perché come poteva una persona come lui non essere perfetta, non avere successo nella vita? Caspita che invidia. Passava le giornate sui libri, e quando smetteva di studiare, se non usciva con gli amici o se non li invitava a bere qualcosa da lui, si vedeva con la sua fidanzata: Karen. Karen era davvero un angelo sceso dal cielo: un adorabile caschetto di capelli neri (un po' a maschiaccio per intenderci) delicatamente posato su un viso liscio e regolare; due occhi bruni da perdersi dentro, un piccolo e grazioso naso che puntava alle labbra carnose e rosse come il peccato stesso. Era alta Karen, con delle gambe da urlo e un seno da sogno: chi non avrebbe voluto essere il suo ragazzo? Una vita davvero invidiabile quella di Sam, collaborava perfino con un giornale locale: ogni settimana aveva una piccola rubrica dedicata ai giovani dove dispensava consigli su come passare le serate divertendosi ma con coscienza e responsabilità. Quando qualcuno gli chiedeva se era felice lui rispondeva: "te non lo saresti al mio posto?" Che ragazzo! Davvero nessuno si sarebbe aspettato che sarebbe andata a finire così. O forse sì. Una mattina i genitori vennero trovati nella loro stanza da letto nudi. Ad April erano stati cavati gli occhi, messi poi in un bicchiere sul comodino, e vi erano i segni di dieci coltellate sull'addome; Joshua fu trovato sdraiato accanto a lei, con lo stesso numero di coltellate sempre sull'addome, e con il pene reciso da un colpo secco. Questo era stato infilato nella vagina della moglie. Il fratellino, Brian, venne trovato nella piscina con il cranio sfondato a pedate. Karen fu letteralmente crocifissa con dei chiodi sopra il letto nella stanza di Sam. Un'incisione partiva da sotto lo sterno arrivando fino all'inguine, reciso e appoggiato sul letto insieme alle budella, fuoriuscite dal taglio per volere della forza di gravità. Le grandi quantità di sangue trovate nella casa hanno rivelato, prima ancora che venisse trovato Sam, che i cadaveri erano stati uccisi in cucina, sul bancone in legno della zona bar, e messi solo in seguito nelle posizioni in cui sono stati trovati. Sam, quando fu trovato nella stanza degli ospiti, stava studiando. Con le mani ancora coperte di sangue rappreso spiegò che aveva drogato la cena, e così facendo aveva avuto tutta la notte per agire indisturbato. Aveva scattato diverse foto, affermando di aver dipinto il più bel quadro della storia, secondo solo a Guernica di Picasso, ma altrettanto vero. Ora Sam è in carcere, verrà certamente condannato a morte e ogni giorno gli arrivano molte lettere di ammiratori e ammiratrici, ragazzi e ragazze della sua stessa età che lo stimano, lo ammirano e che lo invidiano.
Io gli scrivo ogni giorno.
Grazie Sam.

racconto: Marco Cavalli
illustrazione: Luca Lenci

venerdì 5 luglio 2013

LIMBO

 
  
C’è un vasto prato fiorito circondato da mura, come se fosse un castello all’aperto. Anzi, il parco di un castello, un parco gigantesco. Una luce tenue, soffusa, rischiara le persone disseminate lungo tutta la superficie del prato, una moltitudine di persone. Sono suddivisi in gruppi e avanzano lentamente in fila. Il clima mite e temperato, intervallato da radi soffi di vento tiepido, rende meno pesante l’attesa e quella musichetta caraibica in sottofondo sembrerebbe voler allietare lo scorrimento delle persone in coda.
Ovidio riprende posizione in fondo alla lunga fila. È molto pensieroso. L’aria di cambiamento lo sta turbando. Come sta turbando tutti quanti, del resto, in questi giorni. Chissà come sarà l’eternità lassù? Chissà se la visione beatifica gli impedirà di guardare qualsiasi altra cosa? Le donne, ad esempio. Istintivamente guarda Pantasilea, la sensuale regina delle Amazzoni. Non riesce a toglierle gli occhi di dosso. Ammira il movimento sinuoso con cui lei inarca la schiena e scivola in avanti, sfiorando il terreno con i suoi lunghi capelli biondi.
Qualcuno gli appoggia una mano sulla spalla. Giulio Cesare. Ammicca con altera confidenza. - Preoccupato?
- Un po’. La notizia è stata confermata?
- Sì. Il Papa ha approvato ufficialmente il documento.
- Quindi? Adesso cosa succederà?
- Beh, mi sembra ovvio. Dichiarando il limbo come “ipotesi teologica” troppo restrittiva, la Chiesa lo abolisce. Dovremo traslocare tutti.
- Tutti?
- Certo. Il documento ha efficacia retroattiva. Attenzione, tocca a te.
Hey, Matilda, Matilda, Matilda,
She takes me money and runs Venezuela
Everybody!
Ovidio si volta dall’altra parte, piega la schiena all’indietro e passa sotto l’asticella. Giulio Cesare fa lo stesso, ma in modo un po’ più impacciato. - Dannati reumatismi!
- Eeeh…, io l’ho sempre detto che la vita militare è logorante.
- Scusa Ovidio, ma tu non fai testo. E poi, ora che ci trasferiscono in paradiso, potrò farmi prescrivere qualche cura speciale.
- Non ti eri già fatto vedere da Ippocrate?
- Meglio lasciarlo perdere quel greco presuntuoso! Lui e la sua stupida teoria degli umori…
- Già. Senza contare che io l’umore ce l’ho davvero a terra.
- Perché? Non sei contento di cambiare?
- Non saprei. Cioè, apprezzo il gesto e non vorrei passare per l’ingrato di turno…-.
A sentire quella parola, Enea si sporge subito verso di lui dalla fila accanto. - Cosa c’entra adesso Turno? Che se ne resti all’Inferno lui! Noi la salvezza l’abbiamo meritata! Dice bene il Papa…- Ettore, però, lo interrompe e lo sospinge amichevolmente in avanti. - Non badare alle sciocchezze di quel poeta. Cosa vuoi che ne capisca?
Ovidio scrolla la testa e torna a parlare con Giulio Cesare. - Direi che Enea non si è ripreso molto bene da quell’esaurimento nervoso.
- A quanto pare, Galeno gli ha consigliato l’ippoterapia ma non ha funzionato. È bastato nominare un cavallo che quel matto si è caricato subito suo padre sulle spalle e ha cercato di scappare via. Meno male che Ettore si occupa di lui. Gli amici si vedono nel momento del bisogno. Comunque, dicevi?
- Senti, Giulio…posso chiamarti Giulio, no?- L’altro sbuffa altezzoso e con la mano gli fa cenno di continuare il discorso. - Ne parlavo giusto ieri con Antigone. Anche lei sostiene che l’eternità lassù potrebbe essere parecchio noiosa.
- Beh, ma dovresti sapere che quella ragazza è sempre stata refrattaria all’autorità. Qui però non si sta parlando di seppellire o meno un fratello debosciato. Qui si parla della salvezza. Ehi, tocca di nuovo a te!
Hey, Matilda, Matilda, Matilda,
She takes me money and runs Venezuela
Everybody!

  
Questa volta, Ovidio passa piegandosi in avanti e quasi tocca l’asticella con la nuca. Qualche fila più in là, invece, Omero la centra in pieno  con la fronte e la fa cadere, come sempre. Euclide fa un veloce calcolo matematico a occhio e la risistema all’altezza giusta.
Ovidio indica la scena e sorride. - Sai che ti dico, Giulioce’? A me questo passatempo non dispiace affatto. In qualche modo, riesce ad essere divertente. Potremmo anche considerarlo una specie di punizione, ma in fin dei conti qui siamo tutti perennemente sereni. E non sembra piacere soltanto a me. Guarda con che grazia si flette tua figlia Giulia.
- Ehi, attento a quello che dici.
- Non fraintendermi. Intendo dire che il nostro gesto perpetuo ha un ritmo piacevole. E non mi riferisco solo alla musichetta di sottofondo -, Ovidio ammicca in direzione di Calipso che, accompagnata dalle sue ninfe, esegue a cappella “Matilda”. - Oltre a quello della canzone, c’è un ritmo particolare che pervade i nostri movimenti, a prescindere dal fatto che siano più o meno eleganti, ginnici o goffi. Siamo impegnati in un’attività fisica salutare che rinforza le nostre anime…e anche il nostro spirito di gruppo. Qui possiamo socializzare e stare in compagnia. Un uomo di caserma come te dovrebbe apprezzare almeno questo aspetto.
- Ma anche in paradiso la compagnia non mancherebbe.
- Lo so. Il punto è che io non mi ci vedo a trascorrere tutto il tempo in mezzo a puritani e bacchettoni, a gente che si sollazza della propria bontà di spirito e non aspetta altro che di rimproverarti qualcosa.
- Shhh! Sei il solito cialtrone, Ovidio! Non sai neanche di cosa stai parlando!- Socrate, disturbato dalla chiacchierata dei due, si è girato per riprenderli.
- Appunto. Eccone uno che lì si troverebbe a proprio agio. Sempre pronto a confutare il prossimo.
- Vergognati e sappi di non sapere!
- So soltanto che mi stai fracassando…-, ma Giulio Cesare gli tappa la bocca. - Inutile discuterci. È stato capace di accettare una condanna ingiusta pur di sentirsi migliore degli altri. I cristiani l’hanno elogiato così tanto che non gli passerebbe mai per la testa l’idea di non andare a godersi la loro beatitudine eterna.
- È proprio questo il problema. Io mi troverei a disagio in mezzo a quel genere di persone. Ne sopporto a stento un paio, non di certo una moltitudine. E tu? Cosa ne pensi?
- Anche io, sinceramente, sono abbastanza titubante. C’è qualcosa che non mi convince e, per certi, versi potrei essere d’accordo con te. Ma sono in tanti a pensarla diversamente. Ad esempio, anche Platone è della stessa opinione di Socrate.
- Eh, grazie al…-. Giulio Cesare gli tappa di nuovo la bocca. - Ti devi controllare, altrimenti in paradiso rischieresti di passare dei guai.
L’ammonimento di Giulio Cesare, però, non placa il poeta. Anzi lo convince sempre più del fatto di essere destinato a un luogo in cui sarebbe sottoposto a innumerevoli limitazioni, a divieti e tabù che nel limbo non lo toccano minimamente. - Qui, in fin dei conti, possiamo gestire autonomamente il nostro spazio e la nostra attività.
- Io, però, preferirei anche non essere costretto a compiere questo gesto insensato per l’eternità. E non solo per i dolori alla schiena. Tu puoi anche pensare che sia divertente, ma io molto spesso mi sento stupido.
- L’azione è forzata, ma la sua modalità è discrezionale. Se ci pensi, non ci sono i limiti imposti lassù. Ad esempio, Giulio Cesare, tu hai ottenuto la possibilità di non indossare la collana di fiori, perché ti sembrava “ambigua”, e l’hai sostituita con quella di alloro che si addice di più al tuo rango. Questo ti fa sentire meno stupido ma, cosa più importante, ti lascia la possibilità di una scelta. Si parla tanto di libero arbitrio, ma poi nel regno dei cieli dove va a finire?- Ormai, Ovidio non ha più dubbi. Per quanto cerchino di fargliela passare come pena eterna, preferisce senza dubbio questa condanna, il limbo, all’idea di restare per sempre alienato in una statica contemplazione. L’immutabilità eterna, seppur beata, lo spaventa più di qualsiasi pena infernale. Per lui, il paradiso rischierebbe di essere un inferno.
Socrate, intanto, interviene di nuovo nel dialogo, sempre più irritato. - Solo per aver detto una cosa del genere, tu meriti di restare qui per sempre. Non capisco neppure per quale ragione una persona come te sia stata messa insieme a noi, uomini giusti.
- Forse perché penso con la mia testa, perché non mi adeguo a un moralismo inerte e incondizionato che non permette critiche né obiezioni, perché desidero la libertà come proprio gli uomini giusti dovrebbero sempre fare. Se ci pensi, caro Socrate, la costrizione è ciò che i filosofi come te e i liberi pensatori come me hanno evitato per tutta la vita. Dovremmo accettarla dopo la morte?- Non ricevendo risposta, Ovidio indica al filosofo greco l’ultima fila di persone, in fondo al grande prato. È la fila degli arabi. Là ci sono Saladino, Avicenna e Averroé. Loro sono uomini giusti. Nonostante sia stabilito che nel limbo tutti si muovano sulle note di una musica che trae origine niente meno che dalla Trinità, loro hanno avuto la possibilità di creare una fila che esegua la pena eterna secondo una musica arabeggiante. Questo significa che la loro cultura differente non li rende meno giusti. In paradiso, però, non avrebbero alcuna possibilità di distinguersi dagli altri. Per questa ragione, spiega Ovidio, non accetteranno mai il trasloco forzato.
Socrate, però, ha già smesso di ascoltarlo. E Giulio Cesare ne approfitta prontamente per togliersi il dubbio che lo stava incuriosendo fin dall’inizio del discorso. - Credi forse che gli arabi possano opporsi? Il Papa avrà sicuramente preso questa decisione seguendo le direttive dello Spirito Santo. Quindi, possiamo intuire di chi sia stata l’idea. Te la sentiresti di contrariarlo?
- Lo so. È un rischio. Tuttavia, Tolomeo mi ha detto di aver visto Saladino parlare con…puoi immaginare con chi. Sembra che abbiano trovato un accordo per consentire agli arabi di restare qui. Potremmo unirci a loro.
- Asticella…
Hey, Matilda, Matilda, Matilda,
She takes me money and runs Venezuela
Everybody! 

 
Ovidio ci passa sotto ondeggiando, come se, a conferma delle proprie teorie, volesse mettere in evidenza il concetto che quell’azione obbligata possa essere considerata uno svago. Anche Giulio Cesare, per la prima volta, sembra muoversi a tempo di musica. Ondeggia, ma soltanto perché ha difficoltà a mantenere l’equilibrio. - Dannati reumatismi!
- E pensa come peggioreranno con l’aria che tira lassù. Qui almeno il clima è caldo. Senza contare che tieni anche i muscoli in movimento. Pensi che possa far bene alla tua schiena restare tutta l’eternità seduto a contemplare?
Giulio Cesare tace e medita. Medita e tace. Ovidio sa che, più di qualsiasi altro argomento, ce n’è uno in particolare su cui deve puntare: la superbia. Decide di prenderla un po’ alla larga. - Peraltro, so che per me lassù sarebbe abbastanza difficile, ma credo che per te lo sarebbe ancora di più. Qui sei abituato a essere considerato con grande rispetto e ammirazione. Pensi che in paradiso accadrebbe la stessa cosa? Angeli e beati non hanno occhi che per Lui. In mezzo a loro, Giulio Cesare sarebbe solo uno dei tanti.
- Io uno dei tanti? Non lo sono mai stato e mai lo sarò! Da questo punto di vista, preferisco di certo essere primo nel limbo che secondo in paradiso. Caro Ovidio, credo che infine tu mi abbia convinto. Ora dobbiamo solo trovare il modo migliore per rifiutare il trasloco senza inimicarci i pezzi da novanta di lassù.
- Bravo, Giuliocé, mò mi sei piaciuto. Innanzi tutto, bisogna capire quanti di noi preferiscano restare nel limbo.
- Tra i favorevoli chi dovremmo contare?
- Più siamo, meglio è. Antigone la pensa come me. Proverò a convincere anche Orfeo, Plauto, le Amazzoni ed Euripide. Con loro non dovrebbe essere difficile. Anche Orazio mi ha dato l’impressione di trovarsi parecchio bene nel limbo.
- Non mi fido molto di lui, però. Mi ha sempre remato contro.
- Non preoccuparti, con lui ci parlo io. Poi, dalla nostra parte ci saranno tutti gli arabi. Questo è sicuro…
- E anche mia figlia. Lei fa quello che decido io.
- Allora, potresti dirle di persuadere anche le sue amiche -, dice Ovidio indicando Lavinia e Camilla. Le due, in quello stesso momento, stanno sospingendo sotto l’asticella uno dei carrelli impiegati par far passare i bambini non battezzati. Giulio Cesare lo squadra con aria sospettosa. Le parole del poeta gli sembrano buttate lì come quelle di chi ti chiede di dire alla tua fidanzata di portare un’amica. Meglio cambiare argomento con un uomo del genere, pensa, ma è lo stesso Ovidio a farlo. - E con gli infanti come si fa? Loro non possono scegliere.


- Credo che per loro, purtroppo, bisognerà applicare la regola del silenzio-assenso. Specie considerando che la decisione papale di farci traslocare è stato presa soprattutto nel loro interesse.
- Cosa intendi?
- Che in paradiso si vuole concedere la salvezza soprattutto a loro, dato che non hanno commesso peccati individuali. Il solo peccato originale non è abbastanza grave per escluderli dalla misericordia divina.
- Certo. Non ci si può accanire sui bambini soltanto perché sono macchiati dal peccato originale. Sarebbe come dare l’ergastolo a uno che in prima elementare ha rubato una mela dalla mensa scolastica.. Per noi, invece, la situazione è diversa. Noi, per quanto uomini giusti, abbiamo comunque commesso qualche peccatuccio, no?
Ambedue si zittiscono immediatamente. Ripensano a tutta una serie di vicende e azioni compiute in vita. Uno pensa a momenti di tracotanza e a decisioni efferate, l’altro a varie cadute nell’ozio e nella lussuria. Sui loro volti sembra quasi comparire una velata aria d’imbarazzo. Poi incrociano gli sguardi e cominciano a pensare alle rispettive colpe. Giulio Cesare crede che quelle del poeta siano peggiori delle proprie, che erano comunque giustificate dalla ragion di Stato. Ovidio, a sua volta, crede che quelle dell’altro siano più gravi delle proprie appunto perché connesse a uno specifico interesse da perseguire, anziché essere disinteressate e passionali. In un certo senso, si sente persino dispiaciuto per il tiranno e per la sua vita, ma capisce che per loro non ha alcun senso farsi venire una crisi di coscienza proprio adesso. - Non lasciamoci turbare da questi pensieri, dai. Dopo tutto, se siamo stati considerati entrambi nel novero degli uomini giusti, un motivo ci sarà, no? E non sarà qualche macchia nel nostro passato a far venire meno quel motivo.
- Già. Siamo stati comunque dei “giusti”.
- Sì. Però, ho paura che lassù riceveremo un trattamento condizionato da questo genere di pregiudizi. Forse, saremo guardati con sospetto e diffidenza.
- In effetti, è probabile che sia così. Non importa. Tanto ormai, abbiamo deciso di restare qui. Quindi, che senso ha preoccuparsi di quello che pensano di noi in paradiso? C’è un altro problema che dovrebbe interessarci di più. Ad esempio, come fare per metterci d’accordo con tutti quelli che saranno contrari a questa soluzione. E ho idea che non saranno pochi.
- Secondo te, chi sarà a fare più resistenza?
- Direi che Socrate e Platone ce l’hanno già fatto capire. Loro due sono culo e camicia, questo lo sappiamo. E, come loro, si opporrà anche quell’altro gruppetto di filosofi che sperano di scoprire qualche formidabile verità a proposito di atomi e minuscole particelle varie. Poi, c’è anche Virgilio. Non vede l’ora di rincontrare quel suo amico toscano di cui parla sempre.
- E Cicerone?
- Anche su di lui non farei troppo affidamento. È un incoerente, uno che passa da una parte all’altra a seconda di come cambia il vento. Il problema è che, se non ci mettiamo d’accordo tra noi e cominciamo a dividerci in gruppi e fazioni varie, qualcuno in paradiso potrebbe cambiare idea e trovare per noi un’altra soluzione che magari scontenterebbe tutti quanti. Servirebbe una persona che abbia abbastanza carisma e forza di volontà per prendere in mano le redini della situazione e unificare la volontà di tutti noi.
- Immagino che tu stia pensando a te stesso per questo ruolo.- Subito, Socrate si volta di nuovo verso di loro. - Noi non ci lasceremo mai accomunare a gente come voi -, dice, coinvolgendo con lo sguardo anche Platone. Giulio Cesare s’immobilizza stizzito. Purtroppo, non riesce più a sostenere a lungo quella posa superba e s’incurva un po’, toccandosi la schiena indolenzita. la fila preme alle sue spalle. - Non spingete! C’è abbastanza tempo per tutti qui!
- Avete fretta? Non siamo mica in posta! I soliti anziani…-, rincara la dose Ovidio. - Ma come pensi di poter mettere d’accordo queste teste? Forse l’unica soluzione è il voto. Ognuno di noi dovrebbe votare se preferisce traslocare oppure restare qui. So già che l’idea non sarà di tuo gradimento, ma credo che dovremmo applicare i principi di uguaglianza e democrazia: proprio questi sono gli aspetti positivi del limbo.
Giulio Cesare storce la bocca. La sua smorfia è eloquente. - Uguaglianza e democrazia dici, eh?
- Tu preferiresti comandare, lo sappiamo, ma come vedi qui non è facile imporre un’unica volontà. Se ti ricordi bene, non ci riuscisti neppure a Roma e che tu possa farlo lassù sarebbe del tutto inimmaginabile. Quindi, secondo me, devi accontentarti di accordare la tua volontà a quella della maggioranza.
- Sembra, allora, che l’unica soluzione sia il voto…e che voto sia.
Approfittando di un attimo di stazionamento della fila, Ovidio attira a gesti lo sguardo di Orazio, pensieroso per fatti suoi. - Orà, avremmo bisogno del tuo aiuto. Serve qualcuno che sappia come catturare l’uditorio per qualche minuto. Tu che hai lavorato nelle aste pubbliche potresti, per favore, richiamare l’attenzione di tutti per fare una votazione?
- Che genere di votazione, scusa?
- Io e Giulio Cesare vorremmo sapere quanti di noi sarebbero favorevoli a rimanere qui.
A sentire il nome del tiranno, Orazio fa una smorfia. Tuttavia, l’idea di restare nel limbo lo alletta abbastanza. Dunque, decide di acconsentire alla richiesta. Alza le braccia e rischiara la voce con alcuni colpi di tosse stentorei. - Prego, un attimo di attenzione, signori! Data l’urgenza del momento, occorre che tutti esprimano la loro preferenza circa la nostra permanenza nel limbo. Ognuno di noi, adesso, dovrà decidere se sia o meno favorevole a traslocare in paradiso!
Un borbottio generale accoglie l’annuncio con un certo nervosismo. C’è chi chiede delucidazioni, chi subito critica la proposta e chi, invece, già sbraita il proprio parere senza attendere di essere chiamato in causa.
- E facciamo votare anche le donne?-, domanda Ettore. Pantasilea, regina delle Amazzoni, risponde rifilandogli uno spintone.
Orazio, da un lato, e Giulio Cesare dall’altro si sforzano d’imporre un po’ di ordine per comunicare le regole che scandiranno il voto. Ogni persona dovrà votare soltanto dopo essere passata sotto l’asticella, in modo da evitare che si faccia confusione o che qualcuno voti due volte. - Comincerò io! -, dichiara Giulio Cesare, convinto di poter condizionare con la propria autorità la scelta di chi verrà dopo di lui.
Hey, Matilda, Matilda, Matilda,
She takes me money and runs Venezuela
Everybody!


Si svolge la votazione. Inizialmente, si fatica a  effettuare un conteggio corretto, dato che i votanti sono in continuo movimento. Sanno bene di non potersi fermarsi perché correrebbero il rischio di attirare qualche sguardo indiscreto dall’alto, facendo così venir meno la segretezza delle loro intenzioni. Fino a che non avranno preso una decisione, il loro movimento nel limbo dovrà scorrere come sempre.
Ovviamente, ci si rivolge ad Euclide per il computo esatto dei voti, per quanto lui paia concentrarsi maggiormente sull’importanza di mantenere le file parallele. - Almeno durante la votazione, per favore, non spostatevi da una fila all’altra.
Nonostante l’invito a non mescolarsi, c’è molta confusione. Certo, sta influendo soprattutto il fermento dovuto all’importanza della scelta cui ognuno di loro è stato chiamato. È una scelta irreversibile e dunque ancora più delicata. Alcuni, in realtà, non credono che questo voto possa incidere più di tanto sul loro destino, ma si fanno comunque coinvolgere dal volere della maggioranza. Altri sono particolarmente perplessi, come se non intendessero affatto compiere una scelta. Questa, peraltro, ha per tutti un significato molto intimo, tanto da rendere difficile la sua dichiarazione in pubblico. - Ma il voto non dovrebbe essere segreto?-, chiede Cicerone.
Giulio Cesare replica quasi con fastidio. - Voto segreto? Di cosa stai parlando? E poi, se non sappiamo a chi attribuire il voto, come possiamo capire chi vuole restare qui oppure andare in paradiso? Forse ti vergogni della tua opinione?
- Nessuna vergogna! Tutto quanto va fatto pubblicamente!-, grida da qualche fila più in là Diogene di Sinope, passando sotto l’asticella a quattro zampe nel suo solito tentativo di sembrare un cane.
- Beh, almeno questa volta hai evitato di pisciare contro il palo!-, lo deride Platone. L’altro solleva la gamba verso di lui in modo sprezzante.
- Cerchiamo di non dilungarci a discutere su dettagli inutili, per favore.- Ovidio prova a sollecitare lo sveltimento della procedura. Forse, tutta l’eternità non gli sembra abbastanza lunga da potersi permettere di perdere troppo tempo nell’attesa di scoprire l’esito della votazione.
Infine, si conclude la consultazione generale. Ora, tutti gli occhi sono puntati su Euclide, aspettando trepidanti il suo scrutinio. - Voto più, voto meno, penso che non si sia raggiunta una vera e propria maggioranza. La votazione ha espresso una sostanziale parità tra le parti…come dovevasi dimostrare.
La folla ascolta in silenzio il responso e sembra immobilizzarsi per un momento, il primo nei secoli dei secoli, come se il risultato avesse deluso le loro aspettative. Poi, le file ricominciano a scorrere come hanno sempre fatto.
Giulio Cesare e Ovidio si guardano negli occhi. Avevano sperato che fossero così tanti a voler restare nel limbo da poter imporre la decisione anche a quelli riluttanti. E, invece, nulla di fatto. - Adesso come la mettiamo?-, chiede il poeta con aria disillusa.
- Come ho sempre sostenuto, le votazioni non servono a nulla. A questo punto, ognuno di noi dovrà scegliere di testa sua se restare o andare via. Credo che non ci sia altra soluzione.
- Conosci te stesso…lo dicevo io -, interviene Socrate. - Questa volta, ci troviamo perfettamente d’accordo. Ognuno deve capire quale sia la scelta migliore per se e permettere agli altri di fare lo stesso. Chi sente di voler restare nel limbo, che ci resti, e che faccia lo stesso chi, invece, desidera traslocare in paradiso.
Le parti danno l’impressione di essere concordi su questa specie di compromesso. Tutti quanti, pur senza interrompere il loro moto perpetuo, cominciano lentamente a separarsi in due gruppi distinti, quelli destinati al paradiso e quelli che resteranno nel limbo.
Ovidio e Giulio Cesare sono abbastanza soddisfatti. Hanno, però, un’aria sconcertata. Il poeta si guarda intorno. Osserva il grande prato fiorito, quell’ambiente a cui si è ormai affezionato. Poi sposta gli occhi verso l’asticella sotto cui continuerà a passare per l’eternità, si sgranchisce e tira una specie di sospiro di sollievo. - Beh, Giuliocé, in un modo o nell’altro abbiamo raggiunto l’obiettivo. Non sei contento?
- Sì. Ho un altro dubbio, però. Non corriamo il rischio che il nostro rifiuto di traslocare da qui venga giudicato come una colpa? Lassù potrebbero decidere di infliggerci una punizione diversa e non sappiamo a cosa andremmo incontro.
- Secondo me, ti preoccupi troppo. Non si è mai sentito parlare di commutazione della pena eterna. Al massimo, ci abbasseranno un po’ l’asticella.
- Dannati reumatismi!
Hey, Matilda, Matilda, Matilda,
She takes me money and runs Venezuela
Everybody!


racconto: Fabrizio Di Fiore
illustrazioni: Sara Flori
Giulia Quagli

mercoledì 3 luglio 2013

Fratello Whisky


Lo spazzolino viola si staglia come un alieno contro le piastrelle verde pastello del bagno. In questo ambiente asettico e luminoso è una presenza impacciata, ridicola. È quasi nuovo, ha le setole ancora dure.
Lo prendo fra i denti e comincio a masticarlo lentamente, per sentirne la consistenza. Le setole sono ruvide contro la lingua e poco a poco rilasciano nella mia bocca il sapore della plastica.
Cerco di schiacciare coi denti la testa dello spazzolino, deformarla, costringerla ad aprirsi a ventaglio, lo tiro fuori per osservarlo, ma ha già ripreso la sua forma originale.
Non ho più dentifricio, qualcosa devo pur farci.
Il tempo fuori è quasi estivo. Il cielo fra i tetti è limpido, silenzioso, percorso da qualche nuvola sottile e solitaria. Lo attraversano in lontananza degli uccelli migratori, uno di loro emette un grido roco.
Sono solo.
È brutto essere soli con questo tempo.
Ma ci sono cose più brutte, quello che sto per fare a Fratello Whisky, per esempio. Fratello Whisky è l'unico amico che mi è rimasto. A volte viene a trovarmi nel pomeriggio, entra dalla finestra del bagno e rimane per qualche ora immobile nella penombra della stanza. Forse gli dà fastidio il sole che picchia sui muri.

Squilla il telefono. Conto gli squilli, aspettando che si attivi la segreteria telefonica.
Rispondere è inutile. Ho imparato a distinguere le cose utili da quelle inutili finalmente. Parlare con una voce anonima dall'altro lato dell'apparecchio è inutile, annullarsi ogni giorno nella trance del concerto di tastiere del tuo ufficio è inutile; leggere libri, seguire notiziari, coltivare verdure sul balcone e farsi una cultura in marche biologiche e solidali, associazioni di beneficenza e artisti underground è inutile. Tutto ciò che serve a distrarsi dalla propria esistenza è inutile.
Masticare lo spazzolino da denti, osservare le nuvole che attraversano lentamente il cielo, aprire la finestra del bagno e mettersi in agguato, è utile.
Investire con la propria macchina un ubriaco e fuggire, farsi arrestare, vedersi rifiutare il rimborso dell'assicurazione perché sei diabetico e non avresti mai potuto firmare il contratto, perdere il lavoro e vedersi pignorare, di settimana in settimana, gli elettrodomestici, i mobili e alla fine anche le mutande, è utile.
Ti trovi a guardare il cielo fra i tetti e a sentire improvvisamente che esisti. Che tutto il resto non ha significato. E fra te e il cielo si apre un vuoto, immenso, glaciale, spaventoso. Bellissimo.

Da qualche minuto fisso la finestra spalancata, ma Whisky non arriva. Mi arrampico sul davanzale con lo spazzolino in mano e mi sporgo a sinistra sul muro illuminato. Il sole rovente mi abbaglia e mi scalda la schiena. Ed eccolo là, Whisky, le sue gambe sottili, nere e pelose sbucano timide dal buco nell'intonaco. Mi vede ma non ha paura, ormai mi conosce. La mia mano scivola sulla parete ruvida, ma mi sporgo ancora un po' per raggiungerlo. Avvicino lo spazzolino alle sue zampette nere, fino a sfiorarle. Whisky si ritrae un po'. Non capisce ancora. Tocco con le setole la sua testa, gli innumerevoli occhi con cui mi osserva, più infastidito che spaventato. Stavolta si ritrae più in fretta e sparisce nella sua tana. Lo inseguo con lo spazzolino. Percepisco appena l'attrito delle setole sul suo corpo, premuto contro il fondo del muro. Chissà se adesso ha capito.
Ma adesso è tardi. Affondo lo spazzolino e sento la resistenza del suo corpo molle che viene perforato da innumerevoli aghi di plastica e le gambe che si dimenano nel tentativo disperato di sfuggire alla loro presa. Ma io non lo lascio fuggire. Lo tiro fuori lentamente, con lo spazzolino, facendo attenzione a non farlo cadere e a non lasciarlo scappare. Whisky, infilzato sulla testa dello spazzolino, col corpo molle che è diventato una massa informe, le interiora spiaccicate fra le setole, si dimena ancora, pensa ancora di potersi salvare. Proprio come me. Lo guardo e non so se provare piacere o disgusto. Forse non provo nulla. Forse il mondo non ha provato nulla quando ha spiaccicato me ed è rimasto a osservare immobile la mia grottesca lotta per la sopravvivenza.

Un cigolio mi fa trasalire. Mi volto e vedo la vicina che apre il cancelletto d'ingresso ed entra col suo passo stanco. M'infilo nella finestra e attraverso di corsa l'appartamento, spalanco la porta, esco sul pianerottolo e con un salto sono davanti alla porta di casa sua. Prendo lo spazzolino e, lentamente, con cura, spalmo quel che resta di Whisky sul legno, proprio sopra al chiavistello, stando ben attento che non si stacchi. Whisky si muove ancora un po'. Poi torno indietro in fretta, m'infilo nel mio appartamento e aspetto dietro alla porta accostata. La vicina sale le scale a fatica. Arriva in cima, ha il viso stanco e gli occhi vuoti e si dirige ignara verso la sua porta.
La vicina ha paura dei ragni, una volta nel cuore della notte ha svegliato mezzo condominio per un ragnetto nella sua vasca da bagno. Sono andato io a tirarlo fuori da lì. Ho preso un bicchiere e un pezzo di carta e con cura, mentre la vicina strillava per paura che mi scappasse, l'ho messo fuori dalla finestra. Forse era Whisky da piccolo, chi lo sa.
La vicina strilla anche adesso. Ha gettato via le chiavi che in una parabola perfetta sono volate nel vano delle scale e continua a urlare, raggomitolata per terra, aggrappata al corrimano.
E io rido. Scoppio a ridere di una risata violenta, convulsa e incontrollabile. Scosso dagli spasmi non riesco a chiudere la porta e la mia risata echeggia insieme alle grida della vicina nel vuoto delle scale. Due grida prive di senso, che trafiggono il silenzio dell'edificio, salgono indisturbate fino al lucernario, fino al cielo sopra i tetti e si dissolvono nel nulla.

illustrazione: Luca Lenci